Nuova pagina 1
Nuova pagina 1


Oggi, sabato 7 dicembre 2019

home
chi siamo
staff
lavora con noi
consulenza e servizi
richiedi informazioni
richiedi preventivo
faq
links utili
dove siamo
flash news
scadenziario
area riservata clienti
portale aziende
portale lavoratori dipendenti
criteri di ricerca
testo facoltativo
 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

28/01/2013

Lavoratori italiani all’estero: novità dal 1° febbraio 2013

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rende noto che, come previsto dalla Legge n. 398 del 3 ottobre 1987, i datori di lavoro che intendano assumere o trasferire lavoratori italiani (o comunitari residenti in Italia) per attività lavorative in Paesi extra-UE, hanno l’obbligo di richiedere il rilascio dell'apposita autorizzazione al Ministero stesso. Dal 1° febbraio 2013 le richieste dovranno essere inoltrate esclusivamente in via telematica. La nuova procedura è disponibile sul portale Cliclavoro.
 

23/01/2013

Firmato il decreto produttività

Il 22 gennaio 2013 è stato firmato il DPCM avente ad oggetto la detassazione della produttività. In primo luogo, è stato portato a 40.000 euro il limite della retribuzione percepita nel 2012, che consente al lavoratore dipendente del settore privato, di fruire del beneficio fiscale che è confermato nell’applicazione dell’imposta sostitutiva, nella misura del 10 per cento entro un tetto massimo di 2.500 euro per dipendente. In secondo luogo, cambia l’ambito delle retribuzioni che rientrano nel beneficio. Il riferimento è, innanzi tutto alla contrattazione di secondo livello. Oltre che le voci retributive che fanno specifico riferimento a indicatori di produttività, redditività e competitività, potranno essere detassate le voci che vanno a premiare misure volte a disciplinare l’organizzazione dell’orario volta a migliorare l’utilizzo degli impianti e, più, in generale la flessibilità della produzione. Anche la fungibilità delle mansioni in funzione della miglior produttività potrà essere oggetto della contrattazione che porti al beneficio fiscale. Non sarà più detassato, invece, il mero ricorso ad istituti disciplinati dalla contrattazione collettiva nazionale, quale il lavoro straordinario e quello notturno che fanno parte delle ordinarie previsioni contrattuali.
 

22/01/2013

Ministero del Lavoro: chiarimenti sull’utilizzo dei voucher

Attraverso la Circolare n. 4 del 18 gennaio 2013 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce una serie di chiarimenti sull’utilizzo della prestazione occasionale mediante voucher. La Circolare sottolinea che la Legge 92/2012 ha eliminato le diverse fattispecie in cui era possibile utilizzare lo strumento del voucher, per lasciare spazio esclusivamente ad un limite di carattere economico. Questo limite, pari a 5.000 euro, originariamente quantificato in relazione all’attività prestata nei confronti del singolo committente, va riferito ora al compenso massimo che il lavoratore accessorio può percepire , nel corso dell’anno solare, indipendentemente dal numero di committenti. Rispetto al limite economico una particolarità riguarda i committenti imprenditori commerciali o professionisti: in questo caso le attività lavorative possono essere svolte a favore di ciascun singolo committenti per compensi non superiori a 2.000 euro, rivalutati annualmente. Regole particolari disciplinano il settore agricolo.
 

22/01/2013

Corte di Cassazione: attività fisica durante il periodo di assenza per malattia

Attraverso la sentenza n. 21938 del 6/12/2012 la Corte di Cassazione ha sancito che lo svolgimento di attività fisica durante il periodo di assenza per malattia non legittima il licenziamento, se l’attività svolta nel periodo in questione non mette in pericolo l’equilibrio fisico del lavoratore e la sua capacità di adempiere correttamente alla prestazione lavorativa. A parere della Corte il recesso è giustificato in una duplice ipotesi: quando l’attività svolta al di fuori del rapporto di lavoro sia di per sé sufficiente a far presumere la fraudolenta simulazione della malattia, oppure quando l’ attività in questione possa realmente pregiudicare o ritardare la guarigione e il rientro in servizio, in violazione dei doveri generali di correttezza e buona fede e degli specifici obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà.
 

21/01/2013

INAIL: autoliquidazione 2012/2013

Entro il 18 febbraio 2013 i datori di lavoro sono tenuti a pagare i premi assicurativi INAIL a saldo 2012 e acconto 2013, mentre, entro il 18 marzo 2013 devono presentare le dichiarazioni delle retribuzioni, esclusivamente in via telematica. Nel dettaglio, i datori di lavoro sono tenuti, entro il 18 febbraio, a calcolare il premio anticipato per l’anno in corso ed il conguaglio per l’anno precedente, a conteggiare il premio di autoliquidazione, a pagare il premio di autoliquidazione utilizzando il “Modello di pagamento unificato – F24”. Alla scadenza del 18 marzo, invece, il datore di lavoro è tenuto a presentare, telematicamente, la dichiarazione delle retribuzioni.
 

21/01/2013

INPS: anticipazione trattamento CIG in deroga

Attraverso il  messaggio n. 1051 del 17 gennaio 2013 l’Inps ha chiarito che non potranno più essere autorizzate richieste di anticipazione di CIG in deroga per periodi di competenza 2013. Pertanto, sarà possibile procedere all’autorizzazione delle domande e conseguentemente all’erogazione delle prestazioni di CIG in deroga riferite a mensilità 2013, solo ed esclusivamente dopo aver ricevuto la trasmissione del relativo e specifico decreto di competenza regionale o ministeriale, in caso di aziende plurilocalizzate. L’ Istituto, inoltre, precisa che non possono trovare applicazione eventuali accordi quadro regionali che prevedano il ricorso all’istituto dell’anticipazione per periodi di competenza 2013.
 

18/01/2013

Termine di convocazione per la “conciliazione”: chiarimenti ministeriali

Attraverso la circolare n. 3 del 16/01/2013 il Ministero del Lavoro ha fornito una serie di indicazioni in merito alla procedura di conciliazione obbligatoria a seguito di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, focalizzando l’attenzione sugli adempimenti di competenza delle Direzioni Territoriali del Lavoro. La nota del Ministero ribadisce che l’Ufficio deve convocare le parti davanti alla commissione provinciale di conciliazione, trasmettendo l'invito a comparire entro il termine perentorio di 7 giorni dalla ricezione dell'istanza, con lettera raccomandata o attraverso posta elettronica certificata. Poiché la procedura si deve concludere entro 20 giorni dal momento in cui la Direzione territoriale del lavoro ha trasmesso la convocazione per l'incontro, il Ministero del Lavoro fa presente che il termine si deve calcolare dalla data di convocazione e, quindi, all'interno dei 20 giorni vanno computati anche quelli necessari alla ricezione della lettera raccomandata. E’ prevista la possibilità della sospensione temporanea della procedura conciliativa in presenza di un legittimo e documentato impedimento del lavoratore a presenziare alla riunione fissata per il tentativo di conciliazione, per un periodo massimo di 15 giorni.

18/01/2013

INPS: ulteriori chiarimenti sulla procedura di emersione

Attraverso la circolare n. 10 del 17/01/2013 l’INPS fornisce ulteriori chiarimenti in merito alla procedura di emersione di lavoratori domestici extracomunitari, ai sensi dell’art. 5 del decreto legislativo 16 luglio 2012, n.109. L’Istituto ribadisce che il Ministero dell’Interno, con circolare n. 7529 del 4 dicembre 2012, ha specificato che l’avvenuto pagamento del contributo forfettario può considerarsi “manifestazione espressa di volontà” del datore di lavoro di procedere alla regolarizzazione del rapporto di lavoro con il cittadino extracomunitario. Quindi, è stato disposto che per i casi in cui il pagamento del contributo forfetario di 1000 euro risulti regolarmente effettuato entro il 15 ottobre 2012, ma non risulti inviata la domanda di emersione, gli utenti possano completare la procedura di regolarizzazione inviando la domanda telematicamente, a partire dal 10 dicembre ed entro e non oltre il 31 gennaio 2013. Anche per queste dichiarazioni di emersione presentate tardivamente è stata concordata la trasmissione del flusso dati dal Ministero dell’Interno all’INPS, per l’iscrizione d’ufficio del rapporto di lavoro con l’assegnazione del codice provvisorio, contraddistinto dai numeri iniziali 8912, ed il conseguente invio al recapito del datore di lavoro dei bollettini Mav per il pagamento dei contributi precalcolati.
 

17/01/2013

Lavori faticosi e pesanti: indicazioni sulla presentazione delle domande di riconoscimento

Attraverso il messaggio n. 876 del 15/01/2013 l’INPS fornisce indicazioni sulla presentazione delle domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1°marzo 2013, con riferimento ai soggetti che perfezionano i requisiti prescritti nell’anno 2013. L’Istituto ribadisce che, come precisato nei precedenti messaggi in materia, la domanda può essere presentata anche da lavoratori dipendenti che raggiungono il diritto alla pensione di anzianità con il cumulo della contribuzione versata in una delle Gestioni Speciali dei lavoratori autonomi secondo le regole previste per dette Gestioni Speciali.
 

17/01/2013

Settore Credito: proroga della sospensione del contributo ordinario di finanziamento del fondo di solidarietà

Attraverso il messaggio n. 770 del 17/01/2013 l’INPS rende noto che con Delibera n. 20 del 17 dicembre 2012 il Comitato Amministratore ha nuovamente disposto la proroga, da gennaio a dicembre 2013, della sospensione del contributo ordinario di finanziamento del Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell’occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale del Credito. Pertanto, per il periodo gennaio-dicembre 2013, la procedura di gestione dei flussi UNIEMENS continuerà a non richiedere il contributo di finanziamento al Fondo (codice M101).
 

 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

Torna Su

Privacy  |  Note Legali

Studio Soprano & Associati - Consulenti del Lavoro
Corso Umberto I°, n. 22 - 80138 Napoli
p.iva 05696321214 - copyright © 2012
web design & development creativeimage.it