Nuova pagina 1
Nuova pagina 1


Oggi, sabato 7 dicembre 2019

home
chi siamo
staff
lavora con noi
consulenza e servizi
richiedi informazioni
richiedi preventivo
faq
links utili
dove siamo
flash news
scadenziario
area riservata clienti
portale aziende
portale lavoratori dipendenti
criteri di ricerca
testo facoltativo
 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

15/04/2013

Autocertificazione telematica per il rilascio del DURC alla DTL

Dal 15 aprile 2013 l’invio telematico delle autocertificazioni relative all’ inesistenza di illeciti ostativi al rilascio del DURC potrà essere effettuato direttamente agli indirizzi di posta elettronica certificata della DTL ove è ubicata la sede legale dell’impresa. E’ quanto rende noto il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con una nota del 9 aprile 2013, che rende inoltre disponibili, sul proprio sito, gli indirizzi di posta certificata.
 

15/04/2013

Intervento del ministero sull’attività dei CED

Attraverso la Circolare n. 17 dell’ 11 aprile 2013 il Ministero del Lavoro chiarisce quali sono i limiti delle attività che possono essere svolte dai centri di elaborazione dati. Il Ministero precisa che, sulla scorta di una serie di pronunce giurisprudenziali, è escluso che i CED abbiano la competenza per esplicare attività quali inquadramento del lavoratore, individuazione del CCNL applicabile, adempimenti connessi alla gestione del rapporto di lavoro, risultando tali attività di competenza del professionista abilitato.
 

12/04/2013

Rifiuto di proseguire il rapporto di lavoro in altra sede e legittimità del licenziamento

Attraverso la sentenza n. 8843del 11 aprile 2013 la Corte di Cassazione ha dichiarato la legittimità del licenziamento del lavoratore che, in seguito alla chiusura di un’unità produttiva, si rifiuti di proseguire il rapporto in una diversa sede.
 

12/04/2013

Contratto applicato al socio lavoratore di società cooperativa

Attraverso la Sentenza n. 59 del 29 marzo 2013 la Corte Costituzionale ha sancito la legittimità costituzionale dell’art. 7, comma 4, della legge n. 31/2008. L’articolo di legge in questione prevede che, in presenza di una pluralità di contratti collettivi della medesima categoria, le società cooperative che svolgono attività ricomprese nell’ambito di applicazione di quei contratti di categoria, applicano ai propri soci lavoratori, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della legge 3 aprile 2001, n. 142, i trattamenti economici complessivi non inferiori a quelli dettati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale nella categoria.
 

11/04/2013

Legittimità del licenziamento in caso di cessione d’azienda

Attraverso la sentenza n. 7665 del 27 marzo 2013 la Corte di Cassazione ha affermato che, in caso di cessione d’azienda, la previsione dell’art. 2212, comma 1 del c.c., posta a garanzia dei lavoratori, si applica anche ai lavoratori licenziati poco prima del trasferimento, solo se si è accertata l’illegittimità dell’estinzione del rapporto. La Corte chiarisce che "solo dall’accertamento dell’illegittimità del recesso può derivare la declaratoria di continuità del rapporto di lavoro alle dipendenze dell’imprenditore cessionario".
 

11/04/2013

Corte di Cassazione: doppia iscrizione contributiva alla gestione separata

Attraverso l’ordinanza n. 8666 del 9 aprile 2013 la Corte di Cassazione chiarisce che l'esercizio di attività di lavoro autonomo, soggetto a contribuzione nella Gestione separata, che si accompagni all'esercizio di un'attività di impresa commerciale, artigiana o agricola, la quale di per sé comporti l'obbligo dell'iscrizione alla relativa gestione assicurativa presso l'INPS, non fa scattare il criterio "dell’attività prevalente". Le due attività rimangono distinte e autonome anche sotto il profilo previdenziale, con la conseguenza che, essendovene i presupposti, esse producono obblighi assicurativi nelle rispettive gestioni. Aderendo alla giurisprudenza precedente, dunque, la Corte sancisce l’incontrovertibilità del duplice obbligo di iscrizione.
 

10/04/2013

CCNL per il lavoro domestico

In data 9 aprile 2013 è stata raggiunta un’intesa per il rinnovo del Contratto Nazionale del lavoro domestico. L’accordo prevede tre tranche di aumenti salariali: da gennaio 2014, gennaio 2015 e gennaio 2016. Ulteriore previsione è quella relativa al prolungamento dei termini di preavviso per le lavoratrici madri. L’ipotesi definitiva del ccnl dovrebbe essere redatta entro il 31 maggio e giungere alla firma definitiva a fine giugno 2013.
 

10/04/2013

Valenza confessoria della denuncia di infortunio

Attraverso la sentenza n. 8611 del 9 aprile 2013, la Corte di Cassazione ha affermato che è possibile attribuire valenza di confessione stragiudiziale alle dichiarazioni del datore di lavoro contenute nel verbale di denuncia infortunio. Tali dichiarazioni, sostiene la Corte, possono essere utilizzate in giudizio ai fini dell’accertamento della responsabilità concernente il danno subito dal lavoratore. Più precisamente, la denuncia inviata dal datore di lavoro all’INAIL assume valore di confessione nella parte in cui descrive le modalità dell’infortunio.
 

08/04/2013

Contributi dovuti per i lavoratori domestici

Entro il 10 aprile 2013 coloro che hanno alle proprie dipendenze un lavoratore domestico sono tenuti al versamento dei contributi INPS, con riferimento al trimestre gennaio-marzo 2013. Si ricorda che per la determinazione dei contributi dovuti è necessario riferirsi alla circolare INPS n. 25 del 2013. Attraverso la citata circolare l’Istituto ha chiarito, tra le altre cose, che il contributo in caso di licenziamento per rapporti a tempo indeterminato non è dovuto per le colf.
 

08/04/2013

Licenziamento per superamento del periodo di comporto: chiarimenti

Attraverso un’ordinanza del 5 marzo 2013 il Tribunale di Milano ha chiarito che il licenziamento per superamento del periodo di comporto non deve essere considerato come un’ipotesi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Alle luce di tale considerazione, si esclude che, in tale ipotesi, debba essere posto in essere un tentativo obbligatorio di conciliazione, da svolgersi davanti alla commissione provinciale di conciliazione istituita presso la DTL, così come previsto dalla legge n.92/2012 per le ipotesi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo. L’ordinanza in questione, inoltre, chiarisce che nel computo del comporto rientrano anche le giornate del sabato e della domenica, oltre alle festività comprese nel periodo di malattia.
 

 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

Torna Su

Privacy  |  Note Legali

Studio Soprano & Associati - Consulenti del Lavoro
Corso Umberto I°, n. 22 - 80138 Napoli
p.iva 05696321214 - copyright © 2012
web design & development creativeimage.it