Nuova pagina 1
Nuova pagina 1


Oggi, mercoledì 20 novembre 2019

home
chi siamo
staff
lavora con noi
consulenza e servizi
richiedi informazioni
richiedi preventivo
faq
links utili
dove siamo
flash news
scadenziario
area riservata clienti
portale aziende
portale lavoratori dipendenti
criteri di ricerca
testo facoltativo
 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

27/03/2015

Rivalutazione assegno per il nucleo familiare

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 70 del 25 marzo 2015, dal Dipartimento per le politiche della Famiglia, la rivalutazione della misura e dei requisiti economici per l’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare e per l’assegno di maternità dell’anno 2015. Di conseguenza:
-       l’assegno mensile per il nucleo familiare, se corrisposto in misura intera, passa a 141,30 euro; per le domande relativa al medesimo anno il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente è pari a 8.555,99 euro;
-       l’assegno mensile di maternità, se spettante nella misura intera, passa a 338,89 euro;  per le domande relativa al medesimo anno il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente è pari a 16.954,95 euro.
 

26/03/2015

T.F.R. in busta paga: accordo con ABI

Firmato l’accordo quadro tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero del Lavoro e l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) atto a disporre il finanziamento per i datori di lavoro con meno di 50 dipendenti che, in relazione alla neonata possibilità di anticipazione T.F.R. in busta paga, non intendono farvi fronte con le proprie risorse. Sarà possibile accedere a tali finanziamenti con un tasso agevolato.
 

26/03/2015

Requisiti per l’accesso alla pensione anticipata e di vecchiaia aumentati

Attraverso il Decreto Direttoriale del Ministero dell’Economia e delle Finanze in accordo con il Ministero del Lavoro, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 301 del 30 dicembre 2014, vengono incrementati i requisiti per l’accesso alla pensione di vecchiaia e di quella anticipata. L’INPS, con la circolare n. 63 del 20 marzo 2015, pubblica le relative tabelle e fa notare come vengano innalzati di 4 mesi i requisiti per l’accesso alle pensioni e di 0,3 unità i valori di anzianità anagrafica e contributiva.
L’innalzamento dei requisiti scatterà dal 1 gennaio 2016.
 

24/03/2015

Inps: recupero esonero contributivo

Attraverso il messaggio n. 1144/2015, l’INPS comunica le modalità predisposte per il recupero dello sgravio contributivo triennale spettante per i mesi di gennaio e febbraio 2015. Infatti, a causa di un differimento delle tempistiche di predisposizione delle procedure di assegnazione, non è stato possibile usufruire dello sgravio negli scorsi mesi. Di conseguenza, esclusivamente tramite la denuncia mensile “UNIEMENS” da elaborare entro il 30 aprile, sarà possibile effettuare la compensazione dello sgravio spettante nei mesi precedenti con gli importi a titolo di contributi dovuti per il mese corrente.
 

23/03/2015

Cassazione: periodo di preavviso

Attraverso la sentenza n. 4991 del 2015 la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo il quale risulta possibile apportare modifiche alla durata del periodo di preavviso. Tale modifica và ovviamente effettuata solo con il consenso di entrambe le parti, ma dà comunque la possibilità di scavalcare il periodo stabilito nel CCNL.
 

23/03/2015

Naspi: chiarimento periodi neutri

Il Ministero del Lavoro, attraverso la nota presente sul proprio sito internet, ha chiarito che per l’indennità Naspi verranno considerati neutri, e quindi non computabili ai fini dell’indennità, i periodi di CIG a zero ore e quelli non utili alla maturazione contributiva (ad es. periodo di malattia senza integrazione retributiva da parte del datore di lavoro) immediatamente precedenti alla cessazione del rapporto di lavoro.
 

20/03/2015

Governo: pubblicato il DPCM con le disposizioni in materia di liquidazione T.F.R.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2015 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 29 del 20 febbraio 2015, il quale reca disposizioni in materia di liquidazione T.F.R. e della sua erogazione mensile in busta paga. Il Decreto disciplina le modalità operative per l’attuazione della corresponsione del T.F.R. come previsto dalla Legge di Stabilità 2015. Si noti come l’erogazione mensile, che avverrà da aprile 2015 a giugno 2018, una volta opzionata, non potrà più essere arrestata.
 

20/03/2015

Aspi e mini Aspi: liquidazione anticipata in un'unica soluzione

L’INPS, attraverso la circolare n. 62 del 19 marzo 2015, ha fornito chiarimenti in merito alla liquidazione anticipata dell’indennità di disoccupazione Aspi e mini Aspi. Il trattamento economico, infatti, può essere corrisposto anticipatamente in un’unica soluzione, al lavoratore che lo richiede, al fine di intraprendere un’attività di lavoro autonomo, per avviare un’attività in forma di auto impresa o microimpresa o per associarsi in cooperativa.
 

19/03/2015

Cassazione: licenziamento legittimo per lavoro gratuito durante la malattia

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione ha sentenziato in merito alla legittimità del licenziamento comminato ad un lavoratore a seguito del lavoro svolto da quest’ultimo presso l’esercizio di un familiare, a titolo gratuito, durante il periodo di malattia che lo aveva tenuto lontano dal luogo di lavoro. Nello specifico deve ritenersi legittimo il licenziamento qualora l’attività svolta dal lavoratore, in questo caso a titolo gratuito, sia da considerarsi come non compatibile allo stato di salute del lavoratore e che ne pregiudichi la guarigione, ritardandola.
 

18/03/2015

Inps: validità del Durc ridotta a 90 giorni per lavori edili privati

L’INPS, attraverso il messaggio n. 1894 del 16 marzo 2015, relativamente a quanto disposto dal Ministero del Lavoro con nota n. 3899/2015, comunica che a decorrere dal 1 gennaio 2015 la validità del Durc, emesso per lavori edili privati, si riduce a 90 giorni, a fronte dei precedenti 120. Di conseguenza l’applicativo dello Sportello unico previdenziale è stato aggiornato al f ine di riportare sul Durc la dicitura “il presente certificato è valido 90 giorni dalla data di emissione”.
 

 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29 
 30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59 
 60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79 

Torna Su

Privacy  |  Note Legali

Studio Soprano & Associati - Consulenti del Lavoro
Corso Umberto I°, n. 22 - 80138 Napoli
p.iva 05696321214 - copyright © 2012
web design & development creativeimage.it